Lavoratori APEA sul piede di guerra