POLO UNICO PER LE VISITE FISCALI: COSA CAMBIA VERAMENTE?

Cari colleghi,
dal 1° settembre le visite fiscali in caso di assenza per malattia saranno gestite esclusivamente
dall’Inps, d’ufficio o su richiesta della vostra amministrazione.

Le principali novità riguardano gli adempimenti procedurali che spettano alle amministrazioni in
qualità di datore di lavoro e il nuovo ruolo dell’Inps che potrà disporre d’ufficio visite mediche di
controllo tranne che nel caso di infortunio sul lavoro e/o malattia professionale. Tuttavia, resta di
esclusiva competenza della vostra amministrazione valutare la giustificabilità dei casi di assenza
dal domicilio comunicato o di mancata presentazione a visita ambulatoriale.

In attesa di un decreto che dovrebbe uniformare le fasce di reperibilità previste per i lavoratori
pubblici e privati restano valide le fasce fino ad ora vigenti (9.00 – 13.00 / 15.00 – 18.00).

Vi ricordiamo un importante adempimento già previsto per dalla normativa vigente e ribadito dal
decreto che ha istituito il Polo Unico delle visite fiscali: se durante i giorni di assenza dal lavoro
per malattia dovete allontanarvi dal domicilio comunicato per effettuare visite mediche,
accertamenti specialistici o per altri giustificati motivi (che devono essere documentati), siete
obbligati a comunicare preventivamente all’Ufficio del personale la vostra assenza.

Vi terremo informati sui futuri sviluppi della disciplina.